IC DELLA VALNURE

Rappresentanti dei genitori

 

DECRETO DEFINITIVO-PROCLAMAZIONE DEGLI ELETTI-2020-2021

DECRETO-PROCLAM-ELETTI-2019-2020
DECRETO-PROCLAM-ELETTI-GENITORI-2018-2019
Decreto nomina Rappresentanti dei genitori 2017-2018

 

=======================================================================================

VADEMECUM PER I GENITORI

RAPPRESENTANTI DI CLASSE / INTERCLASSE

 

UN BUON RAPPRESENTANTE DI CLASSE / INTERCLASSE SA:

 

ascoltare

lasciar parlare

accogliere e far sentire a proprio agio

creare legami non formali

sintetizzare

sdrammatizzare

 

Essere eletti Rappresentanti di classe/interclasse dei genitori, nella scuola di oggi, significa:

  • svolgere funzioni di rappresentanza di tutti i genitori della propria classe nei Consigli di classe/interclasse e in generale nella scuola;
  • stimolare ed aiutare la partecipazione delle famiglie alla vita della scuola, in particolare dei genitori che, per motivi di lavoro, di trasporto e/o famiglia…, non possono sempre essere presenti alle riunioni collettive

I compiti del rappresentante di Classe/Interclasse

Il rappresentante di classe/interclasse ha diritto di informare i genitori, mediante diffusione di relazioni, note, avvisi o altre modalità, previa richiesta di autorizzazione al Dirigente Scolastico, circa gli sviluppi d’iniziative avviate o proposte dalla Direzione, dal corpo docente, dal Consiglio di Istituto, dall’Associazione Genitori.

Il rappresentante di classe/interclasse NON ha diritto di:

  • occuparsi di casi singoli;
  • trattare argomenti di esclusiva competenza degli Organi Collegiali della scuola (per esempio quelli inerenti la didattica ed il metodo di insegnamento).

Il rappresentante di classe/interclasse NON è tenuto a:

  • farsi promotore di collette – gestire un fondo cassa della classe;
  • comprare materiale necessario alla classe o alla scuola o alla didattica.

 

———————————————————————————————

VADEMECUM PER I GENITORI RAPPRESENTANTI DI INTERSEZIONE/ INTERCLASSE/CLASSE

 

I Rappresentanti dei genitori al Consiglio di Intersezione/Interclasse/Classe vengono eletti, o riconfermati, una volta l’anno. Le elezioni vengono indette dal Dirigente Scolastico entro il 31 ottobre.

Sono previsti 1 rappresentante per ogni classe della Scuola dell’Infanzia, 1 rappresentante per ogni classe della Scuola Primaria e 4 rappresentanti per ogni classe della Scuola Secondaria di Primo Grado.

Il rappresentante di intersezione/interclasse/classe ha il diritto di

– farsi portavoce di problemi, iniziative, proposte, necessità della propria classe presso il Consiglio di cui fa parte e presso i propri rappresentanti al Consiglio di Circolo o di Istituto.

– informare i genitori, mediante diffusioni di relazioni, note, avvisi o altre modalità, previa richiesta di autorizzazione al Dirigente Scolastico, circa gli sviluppi d’iniziative o proposte della Direzione, del corpo docente, del Consiglio di Circolo o di Istituto.

– Ricevere le convocazioni alle riunioni del Consiglio di intersezione/interclasse/classe con almeno 5 giorni di anticipo.

– Convocare l’assemblea della classe che rappresenta, qualora i genitori la richiedano o egli lo ritenga opportuno. La convocazione dell’assemblea, se questa avviene nei locali della scuola, deve avvenire previa richiesta indirizzata al Dirigente, in cui sia specificato l’ordine del giorno.

 – Avere a disposizione dalla scuola il locale necessario alle riunioni di classe, purché in orari compatibili con l’organizzazione scolastica.

– Accedere ai documenti inerenti alla vita collegiale della scuola (verbali, ecc…) (la segreteria può richiedere il pagamento delle fotocopie)

– Essere convocato alle riunioni del Consiglio di intersezione/interclasse/classe in cui è stato eletto in orario compatibile con gli impegni di lavoro (Testo Unico, D.Lgs 297/94, art. 39)

 

Il rappresentante di intersezione/interclasse/classe NON ha il diritto di:

– occuparsi di casi singoli

– trattare argomenti di esclusiva competenza degli altri Organi Collegiali della scuola (per esempio quelli inerenti la didattica ed il metodo di insegnamento)

 

Il rappresentante di intersezione/interclasse/classe ha il dovere di:

– fare da tramite tra i genitori che rappresenta e l’istituzione scolastica

– tenersi aggiornato riguardo la vita della scuola

– presenziare alle riunioni del Consiglio in cui è eletto

– informare i genitori che rappresenta sulle iniziative che li riguardano e sulla vita della scuola

– farsi portavoce delle istanze presentate dai genitori

– promuovere iniziative volte a coinvolgere nella vita scolastica le famiglie che rappresenta

– conoscere il Regolamento d’Istituto – conoscere i compiti e le funzioni dei vari Organi Collegiali della Scuola

Il rappresentante di intersezione/interclasse/classe NON è tenuto a:

– farsi promotore di collette

– gestire un fondo cassa della classe

– comprare materiale necessario alla classe o alla scuola o alla didattica